Eventi e News

Duecentotrenta biciclette "sostenibili", recuperate e perfettamente restaurate, sono pronte a popolare le piste ciclabili e le strade di Firenze grazie al progetto "Piedelibero per La Comune". L'iniziativa d'esordio de "La Comune", neocostituita cooperativa di comunità urbana fiorentina - la prima in città - è un progetto di noleggio bici a lungo termine, nato grazie al contributo della Fondazione NOI – Legacoop Toscana, che coniuga sostenibilità ambientale, riuso e riciclo, valorizzazione di percorsi di reinserimento sociale e promozione di uno stile di vita più ecologico.

"Piedelibero per La Comune" punta a incentivare la mobilità sostenibile su due ruote a partire dalle giovani generazioni e dagli studenti, che avranno a disposizione un servizio di noleggio utile e vantaggioso per "pedalare in libertà" contribuendo anche, alla luce dell'esperienza pandemica, a non "intasare" i mezzi pubblici nelle ore di punta.

Un progetto dal forte carattere cittadino, che è stato "tenuto a battesimo" questa mattina in Palazzo Vecchio dal sindaco Dario Nardella e dall'assessore all'Educazione e Welfare Sara Funaro, insieme al presidente de La Comune Roberto Negrini. Testimonial d'eccezione del progetto Davide Cassani, ex ciclista professionista e Presidente APT Emilia Romagna.

Diventando soci della neonata cooperativa "La Comune", singoli cittadini, aziende o associazioni potranno noleggiare per 6 mesi o un anno una bicicletta ad un canone agevolato. A fornire le bici sarà la cooperativa sociale fiorentina Ulisse, che da anni porta avanti "Piedelibero", progetto sociale di reinserimento lavorativo dei detenuti: in un'officina allestita all'interno dell'Istituto Penitenziario di Sollicciano, sotto l'occhio esperto dei meccanici-operatori sociali di Ulisse, le biciclette provenienti dalla Depositeria comunale vengono recuperate e portate a nuova vita, riciclando in sicurezza rottami altrimenti destinati alla demolizione.

"La Comune è una bella realtà comunitaria - dice il sindaco Dario Nardella -, che arricchisce il tessuto socio-economico della nostra città, andando incontro ai bisogni reali dei fiorentini. Siamo felici di presentare a Palazzo Vecchio il progetto 'Piedelibero per La Comune', che tiene insieme temi che stanno particolarmente a cuore alla nostra amministrazione comunale: ovvero la promozione della sostenibilità ambientale e della mobilità green, l'incentivazione all'uso delle due ruote tra i giovani e gli studenti e gli inserimenti socio-lavorativi dei detenuti, attraverso i quali si riduce la recidiva e viene promosso il reinserimento sociale nella comunità. Tutte azioni che vengono favorite attraverso il recupero di bici provenienti dalla nostra depositeria comunale".

"Ambiente, scuola e sociale sono i tre pilastri su cui si basa 'Piedelibero per La Comune' - afferma l'assessore a Welfare ed Educazione Sara Funaro -, tre settori prioritari in questo particolare periodo storico che stiamo vivendo, segnato dalla pandemia. Con questo bel progetto i detenuti del carcere di Sollicciano si impegnano a recuperare delle biciclette per la comunità e hanno modo di apprendere un mestiere che in futuro potrebbe tornare loro utile. Il frutto di questa attività ha per i detenuti un ritorno positivo per la città sia in termini di incentivazione della mobilità green che di diffusione della cultura verde tra i più giovani".

"Questo progetto è un po' il biglietto da visita de 'La Comune', che nel 2022 presenteremo ufficialmente in un evento pubblico aperto alla cittadinanza, per far conoscere anche gli altri servizi offerti dalla cooperativa - afferma il presidente de La Comune Roberto Negrini -. Attraverso il progetto di noleggio bici abbiamo già iniziato a 'costruire la comunità' e ad attivare quella rete cittadina di soggetti in grado di trovare soluzioni e risposte ai bisogni delle persone nei diversi rioni e quartieri della città".

"La bicicletta è sempre stata, e tuttora è, una protagonista della mia vita e l'ho sempre considerata un driver non solo per lo sport ma, sempre più, per il turismo e per la mobilità sostenibile - afferma Davide Cassani, Presidente APT Emilia Romagna -. Progetti come questo de La Comune sono da esempio per un concetto di sostenibilità a 360 gradi, dall'integrazione sociale, al benessere dei cittadini, alla condivisione degli spazi, al riuso, al miglioramento della qualità della vita. L'uso della bicicletta per il bike to work, per il bike to school o il bike to shop sappiamo che genera vantaggi rilevanti per l'economia, per la riduzione del traffico e per la salute e permette di vedere la propria città con nuovi occhi".

Le bici disponibili per il noleggio con "La Comune" saranno di diversi modelli (Olanda 26", City bike mono marcia 28", City bike con marce 28") e saranno completamente riqualificate: ciascuna bicicletta avrà un numero di serie inciso sul telaio che la renderà identificabile e garantirà la filiera sicura del prodotto. Le bici saranno complete di campanelli e catarifrangenti ed immediatamente riconoscibili grazie alle caratteristiche manopole rosse e all'adesivo "Piedelibero per La Comune". Gli adesivi sono stati stampati dalla Stamperia Sociale – Ginger Zone, realtà che ha come finalità l'inserimento socio-lavorativo di giovani stranieri non accompagnati e persone in stato di fragilità, promossa da COSPE-Onlus e Cooperativa Sociale Oltre il Ponte Onlus.
Sulle biciclette sarà presente anche un Qr code, che una volta inquadrato darà accesso a tutte le informazioni relative al progetto.

Alla sottoscrizione del primo noleggio, i primi 100 soci della cooperativa avranno in omaggio un kit luci, un lucchetto ad alta resistenza e una borraccia fornita da Publiacqua spa (luci, lucchetti e caschi saranno inoltre sempre acquistabili dai soci della cooperativa a prezzi vantaggiosi).
Nel contratto di noleggio saranno inclusi due tagliandi obbligatori per revisionare periodicamente i mezzi e in città sarà attivata una rete di officine convenzionate.

Inoltre, sarà possibile parcheggiare gratuitamente la bici in uno degli spazi messi a disposizione da Uisp Firenze: la rete dei depositi sarà implementata costantemente, per essere sempre più capillare all'interno del territorio comunale.

E in caso di furto del mezzo? Sarà possibile avere un'altra bici: opzione, questa, valida per una volta nel corso del noleggio, presentando la denuncia di furto.

Costi del servizio:
Quota sociale per associarsi alla cooperativa "La Comune" 25,00 €

Canone noleggio semestrale cittadini: 50,00 €

Canone noleggio annuale cittadini: 65,00 €

Canone noleggio annuale aziende: 90,00 € + iva

Il progetto "Piedelibero per La Comune" è promosso dalla cooperativa di comunità urbana "La Comune" con il contributo della Fondazione Noi Legacoop Toscana e in collaborazione con il Comune di Firenze, la cooperativa sociale Ulisse, Publiacqua spa, Uisp Firenze, Osservatorio Bikeconomy, Stamperia Sociale – Ginger Zone e Scarpelli snc.

Tutte le informazioni relative al progetto sono disponibili sul sito lacomune.coop.

Cos'è la "La Comune"

"La Comune" è la prima cooperativa di comunità urbana di Firenze. Il nome "La Comune" racchiude in una sola parola l'esempio complesso di una comunità che si auto-organizza, con un forte valore simbolico: proprio il 28 maggio 2021 è stata la ricorrenza dei 150 anni dalla fine dell'esperienza storica parigina.
Associandosi alla cooperativa, singoli cittadini, associazioni, enti o imprese, hanno accesso agevolato ai servizi e ai beni offerti ed entrano a far parte di una comunità che si riunisce periodicamente, raccoglie le segnalazioni e organizza soluzioni, privilegiando la rete aderente e le risposte territoriali.

La cooperativa vuol essere una piattaforma di partecipazione e organizzazione di tutti i soggetti attivi e interessati, si può organizzare in nodi locali e connetterli in una rete cittadina, promuovendo anche la nascita di nuova cooperazione ad impatto sociale.

La cooperativa si propone ad esempio di agire per contrastare fenomeni di spopolamento urbano e favorire lo sviluppo dell'autorganizzazione di rioni e quartieri, anche tramite servizi di supporto, accompagnamento, assistenza e favorendo strumenti di conciliazione vita-lavoro. Vuole offrire beni e servizi a soci ed utenti utilizzando una rete di imprese e professionisti referenziati, ricercando le migliori condizioni per le prestazioni domestiche e di assistenza. Mira a supportare le imprese e il commercio di dettaglio, promuove le produzioni locali, organizza sistemi di consegna a domicilio accessibili, etici e sostenibili. Propone convenzioni e sistemi di acquisto collettivo dei prodotti del territorio e sostiene le reti di gruppi di acquisto. Ricerca e organizza attività turistiche e culturali ad impatto sociale ed ambientale e progetti legati alla valorizzazione del territorio. Organizza la domanda di integrazione delle comunità: promuove l'accesso a strumenti di formazione e di recupero scolastico; ricerca per soci e utenti l'offerta sportiva, ricreativa e educativa per tutte le età. (Repubblica, 07/12/2021)

265336504 109121881613814 6091238744497410279 n

10 - Copia

Tra le iniziative organizzate o promosse dal Comune per salutare il passaggio del Giro d’Italia a Firenze giovedì 20 maggio prossimo c’è la realizzazione di tre biciclette particolari e brandizzate per l’occasione a cura della Cooperativa Ulisse.

Le tre bici provengono dallo stesso percorso che da decenni Ulisse attua coi rottami abbandonati nella Depositeria Comunale, che vengono recuperati, restaurati e portati a nuova vita a marchio Piedelibero attraverso il lavoro dei detenuti nell’officina di Sollicciano.

La prima bicicletta è una splendida Olanda nera Edoardo Bianchi modello Lusso, dotata di freni a bacchetta e intitolata a Dante per ricordare i 700 anni dalla sua morte.

La seconda, dedicata a Alfredo Martini nel centenario della nascita (l’indimenticato scalatore, dirigente e commissario tecnico della Nazionale di ciclismo è nato a Calenzano nel 1921) è una meravigliosa Atala vintage da strada.

La terza, una perla, è un omaggio al Giro d’Italia. Una Montelatici artigianale della seconda metà degli anni ’70, 57cm centro-centro, gruppo Campagnolo misto Hamet, ruote in copertoncino e sellino Corsaire San Marco. Vasco Montelatici fu uno dei pionieri fiorentini della costruzione di biciclette artigianali. Chi meglio di lui per onorare il transito del Giro.

Le biciclette sono visionabili il mercoledì e il venerdì pomeriggio dalle 15.00 alle 17.30 presso l’officina della Cooperativa Ulisse di via Baccio Bandinelli 84A.

Per acquisirle occorrerà presentare un’offerta via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. corredata di nominativo e recapito telefonico entro sabato 22 maggio.

La “base d’asta” minima da cui si dovrà partire è di:

  • € 185,00 per l’Olanda nera Edoardo Bianchi DANTE 700
  • € 160,00 per l’Atala verde ALFREDO MARTINI
  • € 350,00 per la Montelatici da corsa GIRO 2021.

Il ricavato dell’asta “al buio” verrà interamente utilizzato per finanziare la realizzazione di un murales in tema di ciclismo, riciclo, lavoro, ecologia e inclusione sociale a cura dell’associazione 400 Drops.

P9010490-3-845x321

Al Gingerzone di piazza Togliatti a Scandicci, si comincia a fare sul serio: covid permettendo stanno infatti procedendo le tante attività previste nello spazio recuperato al centro di Scandicci. In particolare da giovedì 22 aprile sarà aperta al pubblico una ciclofficina sociale. Per ora si tratta di un'apertura settimanale, il giovedì, dalle 10 alle 13 ma presto dovrebbe arrivare ad almeno due giorni di apertura.

La ciclofficina sarà principalmente un luogo di incontro e di formazione, o meglio di tirocinio formativo, per i ragazzi minori non accompagnati ospitati dai centri di accoglienza della Diaconia Valdese e non solo, che qui potranno imparare un mestiere o per lo meno apprendere i primi rudimenti di questo lavoro per capire se possa essere o meno una passione da perseguire.

La ciclofficina, gestita in collaborazione con la Cooperativa Ulisse, si inserisce in una serie di progetti che vedono coinvolti tanti soggetti della società civile fiorentina e scandiccese, che convergono e danno vita a un luogo di inclusione e di formazione insieme.

A cofinanziare questa iniziativa c'è il progetto "Biciliberatutte" promosso dall'associazione Le Curandaie in collaborazione con COSPE, Fiab, Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, la Diaconia Valdese e con il sostegno della Fondazione CR di Firenze, che offrirà anche corsi di bici per l'autonomia e la mobilità a donne migranti sia a Scandicci che nel quartiere delle Cure di Firenze, dove in concomitanza, il 22 aprile, apre la sede della ciclofficina di quartiere.

Grazie al progetto "Milleunabici" che la Cooperativa Ulisse sta gestendo al carcere di Sollicciano arriveranno alla ciclofficina delle Curandaie e del Gingerzone 10 biciclette, sistemate dai detenuti durante i corsi di ciclomeccanica, e che i ragazzi che parteciperanno al progetto potranno personalizzare, smontare rimontare e rendere dei pezzi unici con il marchio "piedelibero".

L'attività di inserimento lavorativo e di formazione promossa da COSPE a Scandicci e in tutta l'area fiorentina è inserita nel progetto Inclusive Zone, con il fondo Neveralone, finanziato dalla Fondazione Cariplo, che già ha "sponsorizzato" il tirocinio di due ragazzi, Jetmir e Mateo, diciottenni albanesi ospiti della Diaconia, alla ciclofficina fiorentina della cooperativa Ulisse. Oltre a loro il progetto ha attivato 10 inserimenti lavorativi (7 conclusi e 3 in corso) che vanno dalla ciclomeccanica alla trasformazione alimentare (pasticceria e macelleria) alle tecniche di pitturazione muraria. Sono in totale 40 i ragazzi minori non accompagnati, oltre a 3 provenienti dal centro di salute mentale, che il progetto segue.

Giovedì 22, nel rispetto delle norme anticovid, al Gingerzone sarà possibile visitare gli spazi, vedere le attrezzature in dotazione e le prime bici da sistemare, sarà possibile inoltre incontrare i ciclomeccanici e chiedere informazioni sul futuro funzionamento. La cittadinanza in futuro potrà portare qui le proprie bici e farle riparare dietro una donazione. Si tratta del primo esperimento di attività di mobilità sociale e green che vorrà caratterizzare questo luogo, fortemente voluto dal Comune di Scandicci in collaborazione a tante realtà del territorio come e con il sostegno di Fondazione Finanza Etica e il Consorzio Pegaso.

Il nuovo Gingerzone, spazio recuperato e rinnovato da COSPE, vuole dunque essere un luogo aperto di alle associazioni e alla cittadinanza sarà destinato all'elaborazione e la realizzazione di iniziative sociali e culturali. Un vero e proprio hub, in cui si svolgeranno attività di formazione e di avviamento al lavoro per giovani di tutte le nazionalità, nelle quali sarà coinvolta quella parte della società civile e produttiva attenta ai temi dell'accoglienza (il mondo del Terzo Settore e dell'economia sociale e solidale).

23

Ci preme ricordarvi che anche nella zona rossa dell'ultimo decreto legge Draghi in materia di contenimento del contagio da Covid-19 per regolamentare il commercio al dettaglio si fa riferimento all'allegato 23 del Dpcm 15/01/2021, pertanto la nostra officina di vendita biciclette è APERTA come sempre nei pomeriggi di mercoledì e venerdì dalle ore 15.00.

Arriva anche a Firenze il progetto BICI LIBERA TUTTE, già lanciato con successo dal Cospe a Bologna un anno fa.

A Firenze l'idea è supportata da Diaconia Valdese, associazione Le Curandaie e FIAB-Firenze in Bici.

E ovviamente anche dalla Cooperativa Ulisse, che oltre ad aver aperto da mesi un laboratorio di formazione alla gestione di ciclofficine a cura di giovani migranti in collaborazione con la Diaconia, fornirà più che volentieri le biciclette per il progetto rivolto alle signore, che si prefigge, rivolgendosi appunto a donne migranti, di far riscoprire la libertà di movimento (e quindi l'emancipazione) attraverso la mobilità dolce.

surface2359

IMG-20201207-WA0008

Ma quale Cashback. Ma quale lotteria degli scontrini.

Ve lo diamo NOI, il gioco a premi remunerativo.

Da oggi e fino al 14 febbraio 2021 partecipate anche voi al concorso “SIAMO STATI TRAVISATI”.

Come fare? Semplicissimo:

1) procuratevi una mascherina Piedelibero;

2) pubblicate un selfie divertente, artistico, brillante, didascalico, espressivo, creativo, COME VI PARE (purché INDOSSIATE CORRETTAMENTE la mascherina Piedelibero) sulla vostra bacheca Facebook avendo cura di taggare Ulisse Firenze o Piedelibero Ri-Cicli. Corredate il tutto con l’hashtag #siamostatitravisati. Oppure mandateci il selfie alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o via Messenger.

Ovviamente mandandoci il selfie accettate implicitamente che possiamo utilizzarlo e/o gestirlo ai sensi del Regolamento Europeo 679/2016 sulla privacy.

Il 28 febbraio una nostra giuria premierà insindacabilmente le tre immagini più significative come segue:

PRIMO PREMIO, una bici restaurata Piedelibero;

SECONDO PREMIO, una felpa Piedelibero;

TERZO PREMIO, una t-shirt Piedelibero.

E COME OTTENERE una mascherina Piedelibero?

1) acquistandola presso la nostra officina di via Baccio Bandinelli 84/A (zona Isolotto) o presso New Staz in via Attavante 5 (zona Ponte a Greve) al costo di € 10;

2) acquistando una delle nostre biciclette (la mascherina vi verrà data in omaggio).

Per Natale fate un dono a base di eco sostenibilità e inclusione sociale: “SIAMO STATI TRAVISATI” vi darà la possibilità di REGALARE una mascherina Piedelibero e la conseguente opportunità di portare a casa una bicicletta proveniente dalla nostra officina di Sollicciano.

Eventi e News